Pagine

lunedì 12 giugno 2017

Fùrnari e l'amore che sfugge: "Pellicole" è il nuovo videoclip del folk singer capitolino


Terzo estratto dall'album “Abusivi sognatori”, il nuovo video-single del cantautore romano è la storia di due persone che non si sono mai incontrate, vista come dal buco di una serratura, un qualcosa che non è stato e che potrebbe esistere solo nella finzione, in un film sfocato.

Genere: indie pop / folk
Label: Terre Sommerse

Si intitola Pellicole ed è il nuovo videoclip di Fùrnari, cantautore romano classe 1990, all'esordio con l’album Abusivi Sognatori (Terre Sommerse/Lachimera dischi).
Terzo singolo estratto, vede la regia di Andrea Romano con la partecipazione di Enrica Angiolini, ed è interpretato da Francesca Paolozzi e Luca Attadia.
Pellicole è la storia di due persone che non si sono mai incontrate, vista come dal buco di una serratura, un qualcosa che non è stato e che potrebbe esistere solo nella finzione, in un film sfocato. Il videoclip è proprio questo, una storia immaginata e guardata di nascosto dall’occhio di una cinepresa.

Una canzone che, proprio come un cortometraggio, lascia scorrere davanti agli occhi di chi ascolta le immagini di cui è fatta.

Pellicole è il primo brano che ho scritto per questo disco.” - afferma Fùrnari - “È una canzone che vive molto di immagini, quasi fosse un piccolo cortometraggio. E’ venuta giù di getto e a differenza di molte altre è rimasta così come era nata inizialmente. Dentro ci sono due persone, la desolazione, il tempo che passa.


Il videoclip è stato girato in un magazzino di oggetti cinematografici, un vero e proprio “guazzabuglio” contenente di tutto, da cabine telefoniche di scena a vecchie cineprese, maschere, lampade e telefoni a gettoni, contribuendo a restituire a chi guarda l’idea che siamo fatti proprio di tutte queste piccole cose.




Abusivi Sognatori: il disco
L’album ha già visto la pubblicazione dei due precedenti videoclip Sopravvissuti, girato da Simone Durante, ed in anteprima su Rockerilla (http://www.rockerilla.com/furnari-anteprima-video/), e Lettere Da Saturno, con la regia di Andrea Romano ed uscito in anteprima su Panorama.it (http://www.panorama.it/musica/furnari-il-video-di-lettere-da-saturno-anteprima/).

In Abusivi Sognatori convivono allo stesso tempo speranza e disillusione, quotidianità e ricerca, ottimismo e disagio, ed è frutto di circa due anni di lavoro da parte dell’artista insieme con la band che lo accompagna dal vivo (Alessandro Accardi alla batteria e sequenze, Laura Piccinetti al basso e Lorenzo De Angelis alla chitarra), con Giampaolo Rosselli che ne ha curato la produzione artistica e con Dario Vero che ne ha suonato le chitarre e i synth e insieme al quale sono stati curati gli arrangiamenti.


Il disco segue il tema del disagio di una generazione e della necessità di non perdere per strada i propri sogni e la propria anima più genuina, e passa dalle sonorità indie-pop di Lettere da Saturno o Altre età a brani più intimi ed acustici come Siamo meteore o Non raccontano di noi.

Le registrazioni hanno visto inoltre la partecipazione di Massimiliano Chiapperi e Fabio Fraschini (Marina Rei, Valentina Lupi, Zero Assoluto) rispettivamente alla batteria e al basso nei brani Lettere da Saturno e Marta e le stelle di Ikea.

L’album ha già visto l’apprezzamento di diverse testate giornalistiche e radiofoniche e l’artista è stato ospite di diverse trasmissioni (Radio Rock, Radio Dimensione Musica, Radio Città Futura, FS news, Radio Lab, Radio Amore, Radio Kaos Italy e molte altre) ed eventi tra i quali si ricordano il Rino Gaetano Day a Piazza Sempione a Roma lo scorso giugno, che ha visto la partecipazione di 30000 persone, ed il MEI di Faenza. L’album è stato inoltre candidato alle Targhe Tenco come migliore opera prima.


Biografia
Fùrnari (Cristiano) è un cantautore romano, classe 1990.

Scrive e canta canzoni cercando di farlo attraverso le proprie sonorità e forme espressive. Dal 2008 al 2012 è cantante e chitarrista dei Radiodrama, band emergente romana con la quale incide l’album Lies from the court (Terre Sommerse, 2011) e si esibisce in numerosi concerti a Roma e non solo, partecipando, inoltre, a diversi festival quali “Emergenza Rock”, “Roma si libra”, “Giuliano Rock Festival” ed altri.

Nel 2014 si mette “in proprio”, ed inizia a lavorare ad un progetto individuale, accompagnato da una propria band, con Alessandro Accardi alla batteria, Laura Piccinetti al basso e Dario Vero alla chitarra.

Il progetto viene inaugurato al teatro San Luigi Guanella di Roma in occasione della rassegna “Corus Cafè Live,”e successivamente con un’esibizione insieme alla band presso l’Aula Magna de La Sapienza, davanti ad oltre duemila persone, in apertura della presentazione dell’album Suoni tra ieri e domani di Amedeo Minghi.

Nel 2015 inizia la registrazione dell’album d’esordio presso il Play Rec Studio di Roma con la produzione artistica di Giampaolo Rosselli e gli arrangiamenti di Dario Vero. Il disco è un piccolo microcosmo, una bolla con dentro storie e canzoni. Un percorso tra immagini, sonorità e atmosfere a volte energiche ed elettriche, a volte più intimistiche e acustiche, sempre ricercate.

L’album Abusivi Sognatori esce per l’etichetta Terre Sommerse, e viene presentato il 23 aprile 2016 al Wishlist Club di Roma. Seguono diversi concerti in giro per l’Italia tra i quali si ricorda anche l’esibizione al Salone Internazionale del Libro di Torino presso il palco del Fuis.

Il 2 giugno, inoltre, l’artista è ospite del “Rino Gaetano Day” evento nazionale in omaggio a Rino Gaetano giunto alla sesta edizione, svoltosi a Piazza Sempione a Roma e presentato da Marco Baldini davanti ad oltre venticinquemila persone, durante il quale interpreta un brano di noto cantautore insieme alla Rino Gaetano band.
Insieme all’album viene lanciato in anteprima su Rockerilla anche il videoclip del brano “Sopravvissuti” e successivamente quello di“Lettere da Saturno” su Panorama.it.

L’album ottiene un buon riscontro da parte della critica e viene recensito da molte testate specializzate, cartacee e web. Parallelamente ottiene dei buoni riscontri radiofonici, e l’artista è ospite di diverse trasmissioni ed emittenti indipendenti tra le quali Radio città futura, Radio rock, Radio web Italia, Radio Dimensione Musica, Radio Lab Catania, Radio Amore, Radio Kaos Italy, White Radio, FS News e molte altre.


Contatti
terresommerse.it

Press Media Office
Frank Lavorino 3396038451

venerdì 31 marzo 2017

Endless Mirage, il ritorno dei rockers romani NoiseBusters


Dopo l’esordio con “Carry Me Home” e quasi tre anni di concerti a Roma e nel Centro Italia, i NoiseBusters tornano con il secondo lavoro. Un Ep, un Concept. Forte, più rock. “Endless Mirage” inizia e finisce nel giro di “un singolo sogno”. Un miraggio.

Genere: rock/pop rock/hard rock
Label: iM Classic (EU)
Distribuzione: iM Classic (EU)

Streaming


Dopo l’esordio Carry Me Home uscito nel 2014, è finalmente disponibile Endless Mirage, secondo lavoro in studio dei romani NoiseBusters.

Presentato lo scorso 3 marzo @ Felt Club di Roma, Endless Mirage è la coerente evoluzione del debutto. Se il filo conduttore di quest'ultimo era infatti “la realtà della band”, con arrangiamenti minimalisti e suoni “acustici”, i NoiseBusters provano adesso a renderli più massicci, con cori e utilizzo di sintetizzatori, tastiere e parti melodiche rockeggianti.

Il disco si apre con Endless e continua senza pausa fino all'ultima traccia, Miraggio. Endless Mirage è un cerchio senza soluzione di continuità. Tre testi in inglese, uno in italiano, un'intro e due intermezzi musicali, i sette brani sono da prendere sia singolarmente che “in blocco” per consentire all'EP di risultare un'unica grande traccia.
Registrato ai Pyramid Studios di Roma e prodotto dagli stessi NoiseBusters per la label iM Classic, Endless Mirage è disponibile in formato CD, streaming e download digitale sulle principali piattaforme del settore.

Line-up
Andrea Lupi – Voce
Matteo Camerini – Chitarre
Edoardo Cofano – Tastiere
Eduardo Lorenzo – Basso
Federico Curto – Batteria

Tracklist
1. Endless
2. Before The Sun Rises
3. A Passage Through The Infinities
4. Kind Of World
5. Dreaming Of You
6. Sun Is Dying
7. Miraggio

Scarica il disco su iTunes

Past Gigs
05-06-14 - Let It Beer - Roma
13-06-14 – Defrag - Opening act Durden & The Cathering - Roma
05-07-14 - Circolo degli artisti - Roma
21-08-14 - Musica in Festa - Narni
09-10-14 - Spazio ebbro - Roma
12-10-14 - Let it beer - Roma
19-10-14 - Pentatonic - Roma
12-11-14 - Locanda blues - Roma
15-11-14 - Pentatonic Live Club - Roma
27-11-14 - Alvarado street - Roma
13-12-14 - Equinox pub - Veroli
15-01-15 - Whishlist - Roma
25-01-15 - Contestaccio - Roma
24-03-15 - Pride Pub - Roma
10-04-15 - Zona Roveri - Bologna
12-04-15 - Foollyk - Roma
20-04-15 - Jailbreak - Roma
26-04-15 - Big mama Club - Roma
29-05-15 - Orfeo Club - Roma (Il Cantagiro)
22-10-15 - Teatro Imperiale di Guidonia (Finale Cantagiro)
17-12-15 - Spazio Ebbro - Roma
21-12-15 - Spazio Ebbro - Roma
18-03-16 - Pentalfa Club - Roma
20-03-16 - Jailbreak - Roma
17-04-16 - Big Mama - Roma
18-06-16 - Locanda Blues - Roma
28-10-16 - LoStecco - Castel Gandolfo
30-11-16 - Locanda Blues – Roma
03-03-2017 – Felt Club - Roma

Parziale Rassegna Stampa
Banco del Mutuo Soccorso, Balletto di Bronzo e altri nomi che non si conoscono sono nel loro D.N.A. nei loro geni. Genuini in "Ancora nel buio" i Noisebusters si chiedono e si rispondono: "Qualcosa cambierà se è questo che vorrò". Appassioniamoci come fossero gomma arabica!” Lorenzo Faustini – LaScimmia https://www.facebook.com/NoiseBustersOfficial/posts/711475845585310?pnref=story

Una bella scoperta i NoiseBusters che riportano alla mente il buon rock del passato riuscendo però ad attualizzarlo con incroci melodici molto interessanti. Complimenti!” Antonio Giovanditti http://www.gruppiemergenti.net/album/carry-me-home/recensioni/78


Biografia I NoiseBusters sono un gruppo rock formatosi nel 2011 a Roma. Dopo qualche mese di assestamento, si esibiscono come cover band in diversi locali romani, ma trovata la giusta alchimia cominciano a creare pezzi inediti che presenteranno poi anche dal vivo e con cui nel 2013 arriveranno alle finali regionali di Emergenza Festival, esibendosi con buon riscontro su palchi importanti della Capitale come il BlackOut e la Stazione Birra. Nel 2014, dopo numerosi concerti e un cambio di formazione al basso, entrano in sala di registrazione per incidere il primo album Carry Me Home, undici tracce sia in italiano che in inglese che passano da sonorità pop ad altre decisamente più rock, facendo coesistere le varie influenze artistiche dei componenti. Ne vengono estratti due singoli, Dream Of A Night e Malinconia, in rotazione su oltre 150 radio italiane e su alcune radio estere. Nel frattempo riprende l'attività live al fine di promuovere il suddetto album. Nel 2015 superano le selezioni regionali del Cantagiro, importante festival di musica italiana emergente, trovandosi così ad esibirsi alle finali nazionali di Guidonia al Teatro Imperiale; il brano Malinconia viene selezionato per l'inserimento nella compilation della manifestazione. Nel 2016 incidono il loro nuovo lavoro, l’EP Endless Mirage, una sorta di mini concept album che racconta il percorso del miraggio di un uomo in un mondo ormai devastato. Anche in questo caso il risultato è la raccolta delle idee artistiche dei musicisti, dando quindi alla fine un filo logico al prodotto con i vari intermezzi strumentali.


Foto


Contatti

giovedì 27 ottobre 2016

Metamorfosi - La luce del cambiamento: esce il nuovo singolo "Light"


Terzo estratto dall'album Chrysalis della band laziale, un piccolo elogio indie pop a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie.

Genere: indie/rock
Etichetta: Mauna Loa
Distribuzione digitale: Believe

Immagina di trovarti in una caverna buia dove il tuo unico punto di riferimento è un piccolo spiraglio di luce, ecco quella è Light.

Light è un piccolo elogio a tutte quelle cose in grado di portarci oltre la superficie. Il mondo corre e si rincorre senza una meta precisa e invece abbiamo bisogno di fermarci a cogliere le sfumature, ascoltare la nostra anima, cercare la nostra meta, la nostra "Light".

La melodia di questo brano, come racconta la band, è nata tempo fa giocando attorno al tema di Blue In Green di Miles Davis e Bill Evans. In fase di arrangiamento poi v'era il desiderio di trovare qualcosa che spezzasse il mood del resto del disco in registrazione.

Volevamo un groove sostenuto e un riff sbilenco, un qualcosa di più cattivo che ci ricordasse i Muse. Alla fine è venuto fuori un pezzo schietto e diretto che si distacca dagli altri brani del disco ma che incarna allo stesso tempo tutte le sfaccettature e gli eclettismi che la critica ci ha riconosciuto anche negli ultimi mesi. Ancora una volta la voglia di avvicinare mondi che sembrano lontani.

In questi tempi in cui si vive tutto in diretta live, tutto viene postato, si entra gli uni nelle realtà degli altri, le Metamorfosi hanno deciso di fare un video in cui il set potesse essere la loro di realtà. E quale realtà migliore di una metropoli come Londra per raffigurare le gabbie contemporanee nelle quali siamo tutti un po' rinchiusi.

Abbiamo girato il nostro video con una stecca selfie e alla metà del tempo perché il mondo corre ma noi no. La scenografia che ci ha regalato Londra e le sue persone è unica ed irripetibile in ogni scena e l'abbiamo trovata perfetta per questo pezzo. Qualcuno si è fatto qualche domanda vedendoci con chitarre e bacchette in mezzo alle strade trafficate e di certo ci siamo beccati le occhiatacce della polizia.”

Credits
Low-fi production, selfie stick, iphone 5
Regia: Metamorfosi
Montaggio video: Antonio Zannone



L'ultimo disco Chrysalis, come suggerisce il nome, segna per la band un passaggio, un'ulteriore metamorfosi, forse quella finale, chissà. “È un lavoro che sentiamo cucito addosso e che ci racconta in una fase di cambiamento radicale.” - afferma il gruppo laziale - “Un disco in cui ci siamo esplorati, spogliati e messi alla prova. Lo consideriamo fondamentale perché è l'inizio dell'esperienza internazionale e perché ci sta stimolando a farne un altro.”

Presto il trio cambierà nome e assumerà nuova forma. “Stiamo esplorando nuovi paesaggi sonori e pensiamo già al nostro nuovo album... Stavolta suonato completamente in trio, più minimale, più diretto e con più elettronica.”

Bio: Metamorfosi come mutamento inteso, come trasformazione in altra natura. A giudicare dalla storia del gruppo traspare come sia stato il nome a sceglierli, e non il contrario: un intrecciarsi e combinarsi di personalità artistiche e sensibilità diverse, un avvicendarsi di estro e individualità, ognuna delle quali ha contribuito, in modo diverso, alla maturazione della band, tuttora in divenire. Dal 2005 al 2010 il progetto vive una prima fase embrionale in cui la personalità dei giovani musicisti e la formazione stessa prenderà forma. Lavorano ai primi inediti e da subito si confrontano in contesti importanti in tutta Italia, tra cui ItaliaWave, Music Village, BolognaMusic Fest, Sanremo Rock Festival, Rock Targato Italia, la partecipazione a Salaprove di RockTv. Nel 2010 scrivono il primo album con l'ingresso di Sarah D'Arienzo alla voce che costituirà il tassello della band fino ad allora mancante. Vincono il Caserta Rock Festival, vengono invitati da G. Fasano al Festival Arte dell'Incontro di Trento. Nel 2011 sono finalisti del Festival Pub Italia. Nel 2012 pubblicano Chimica Ormonale, album interamente auto-prodotto, e contemporaneamente presentano l'omonimo singolo/videoclip ufficiale trasmesso anche su Italia 2 nella rubrica 16mm, vengono intervistati dal TgRegione Rai 3 per la rubrica Talenti vulcanici e sono ospiti dell'antico Teatro napoletano Trianon. Nel 2013 intraprendono l'avventura dell'1M Festival che li inserirà tra 700 gruppi in tutta Italia e li porterà sul palco del 1° Maggio a Roma trasmesso sulle reti Rai. Nel 2014 pubblicano il secondo singolo/videoclip Nuda e nel dicembre il singolo/videoclip autoprodotto Profondo. Nell'estate 2015 aprono il concerto di Max Gazzè nel suo “Coast To Coast Tour” e quello di Carmen Consoli nel “Meeting del Mare"; vincono il 1° premio dell'Ugo Calise Festival ad Ischia (NA) e il LazioWave, durante il quale aprono ai Marlene Kuntz. Sono ospiti delle rassegne “La Fabbrica Dei Mostri” a Oratino (CB), il Festival dei Teatri del Mediterraneo (LT), e “Rock Sotto Il Castello” di Maenza (LT). Nell'ottobre 2015 partecipano alle selezioni per Sanremo - Giovani Proposte, con il brano “Essenza (un gioco semplice)” e vengono inseriti nei 60 semifinalisti tra oltre 600 proposte in tutta Italia. Nel dicembre 2015 le Metamorfosi pubblicano il videoclip di "The Moon is Kiddin' Me", prima anticipazione dal nuovo album Chrysalis uscito il 12 febbraio 2016 volto all'esplorazione di nuove sonorità immerse in territori più ampi e lontani, per la prima volta in lingua inglese.
Nel 2016 la band apre ai concerti di Riccardo Sinigallia e Zibba, rispettivamente il 2 aprile e il 6 settembre @ Freedom Lounge Bar di Coreno Ausonio (FR), e a luglio/agosto è protagonista di un tour londinese che ha toccato il St.Moritz, il Fiddler's Elbow, il Nambucca, il CrossFest e l'Alley Cat.

Contatti

giovedì 22 settembre 2016

La Griffe: esce l'esordio "Hypno-pop", tra techno ed electrohouse.


La Griffe – Hypno-Pop

Anticipato dal singolo/videoclip “Where Are You Going?”, l'EP di debutto della band romana presenta influenze techno ed electrohouse reinserite efficacemente in un contesto pop per un progetto che vanta esibizioni allo Stadio Olimpico e all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Genere: Pop/Rock/Elettronica
Etichetta: Autoproduzione




I La Griffe pubblicano l'EP di debutto Hypno-pop, disponibile in tutti gli store digitali.

Nati nel gennaio 2014 dalle ceneri dei Controverso, i La Griffe sono attualmente composti da Riccardo Vinciguerra (voce), Daniele Perticaroli (chitarre) e Dj Max Stanzione (console e sequenze).

Il sound risente di influenze techno ed electrohouse reinserite in un contesto popUn nuovo percorso, un restyling totale in base alle nuove sensazioni e sonorità che portano ad eliminare una chitarra e ad una presenza più equilibrata ma costante dell’elettronica.

I La Griffe vantano la collaborazione e partecipazione nel 2014 al film Di tutti i Colori di Max Nardari, che uscirà nelle sale questo autunno e nel quale la band rappresenta se stessa suonando una traccia inedita dal titolo Suoni, poi inserita in Hypno-Pop, totalmente rivisitata appositamente per la pellicola e fortemente voluta dal regista.

Il brano Disco Dance sarà successivamente presentato al Derby del Cuore 2014 presso lo Stadio Olimpico di Roma di fronte a 40.000 spettatori. https://www.youtube.com/watch?v=MoMgI-GEYhQ

Tra il dicembre 2015 e il marzo 2016, la band ha l'onore di esibirsi sul palco dell'Auditorium Parco della Musica di Roma assieme all'Orchestra Internazionale di Roma e al maestro Amedeo Minghihttps://www.youtube.com/watch?v=Cy14Yw7eZ58

Sempre nella Capitale, la band suona presso lo storico locale Contestaccio a supporto dell'ex Litfiba Gianluigi Cavallo detto “Cabo.

Hypno-Pop è stato anticipato dal primo singolo/videoclip Where are you going?: “Un brano psichedelico, il nostro approccio ad un certo tipo di elettronica - lo descrive il gruppo stesso - “Rappresenta uno stato d’animo, una riflessione sincera. Un pezzo grigio, in cui i pensieri si mischiano alle nuvole, guardando la città dall’alto.



Video Credits
Regia e Soggetto: Riccardo Vinciguerra
Protagonista: Edy Tombari



Tracklist
1. Deserto
2. Where are you going?
3. Altrove
4. Suoni
5. Non ti girare (remix Max Stanzione & Max Crisafulli)

Next Gigs
5.12.16 @ Brancaccio, Roma con Amedeo Minghi


Bio La Griffe nascono nel gennaio 2014 dalle ceneri dei Controverso, band attiva dal 2005 al 2013. Gli autori dei brani, Riccardo Vinciguerra e Daniele Perticaroli, decidono di proseguire il cammino musicale con un nuovo progetto modificandolo nei contenuti in base al nuovo percorso sonoro diventato più minimale, sperimentale ed elettronico. Per questo decidono di essere principalmente un duo, affiancandosi come collaboratore esterno il Dj/Producer Max Stanzione, già autore del Remix di Non ti girare. Il nuovo percorso porta ad eliminare una chitarra e ad una presenza più equilibrata ma costante dell’elettronica. Vengono totalmente riarrangiati una manciata di brani estratti dai 3 precedenti lavori con i Controverso, i quali comporranno insieme ai nuovi la scaletta dei futuri concerti. Nel 2014 la band sviluppa pertanto la nuova direzione, un restyling totale in base alle nuove sensazioni e sonorità. Così prendono forma una decina di brani inediti totalmente scritti, suonati e arrangiati dal duo, che si occupa anche della produzione. In questo arco di tempo trova posto una collaborazione importante, la partecipazione al film Di tutti i Colori di Max Nardari, nel quale i La Griffe rappresentano se stessi suonando un brano inedito totalmente riarrangiato per la pellicola e fortemente voluto dal regista. Il film in uscita nelle sale nell'autunno 2016 rappresenta un grande motivo di soddisfazione per la band, che decide di riarrangiare anche Disco Dance, successivamente presentata al Derby del Cuore 2014 presso lo Stadio Olimpico di Roma di fronte a 40.000 spettatori. Il 22 settembre 2015 pubblicano il loro primo lavoro Deserto, seguito successivamente da Altrove. La band si esibisce il 12 dicembre 2015 all'Auditorium Parco della Musica insieme ad Amedeo Minghi eseguendo 2 brani accompagnati dall’Orchestra Internazionale di Roma. Ad aprile 2016 è uscito il nuovo EP dal titolo Hypno-pop.


Contatti


Press Media Office
Frank Lavorino 339 6038451



La Griffe: esce l'esordio "Hypno-pop", tra techno ed electrohouse.


La Griffe – Hypno-Pop

Anticipato dal singolo/videoclip “Where Are You Going?”, l'EP di debutto della band romana presenta influenze techno ed electrohouse reinserite efficacemente in un contesto pop per un progetto che vanta esibizioni allo Stadio Olimpico e all'Auditorium Parco della Musica di Roma.

Genere: Pop/Rock/Elettronica
Etichetta: Autoproduzione




I La Griffe pubblicano l'EP di debutto Hypno-pop, disponibile in tutti gli store digitali.

Nati nel gennaio 2014 dalle ceneri dei Controverso, i La Griffe sono attualmente composti da Riccardo Vinciguerra (voce), Daniele Perticaroli (chitarre) e Dj Max Stanzione (console e sequenze).

Il sound risente di influenze techno ed electrohouse reinserite in un contesto popUn nuovo percorso, un restyling totale in base alle nuove sensazioni e sonorità che portano ad eliminare una chitarra e ad una presenza più equilibrata ma costante dell’elettronica.

I La Griffe vantano la collaborazione e partecipazione nel 2014 al film Di tutti i Colori di Max Nardari, che uscirà nelle sale questo autunno e nel quale la band rappresenta se stessa suonando una traccia inedita dal titolo Suoni, poi inserita in Hypno-Pop, totalmente rivisitata appositamente per la pellicola e fortemente voluta dal regista.

Il brano Disco Dance sarà successivamente presentato al Derby del Cuore 2014 presso lo Stadio Olimpico di Roma di fronte a 40.000 spettatori. https://www.youtube.com/watch?v=MoMgI-GEYhQ

Tra il dicembre 2015 e il marzo 2016, la band ha l'onore di esibirsi sul palco dell'Auditorium Parco della Musica di Roma assieme all'Orchestra Internazionale di Roma e al maestro Amedeo Minghihttps://www.youtube.com/watch?v=Cy14Yw7eZ58

Sempre nella Capitale, la band suona presso lo storico locale Contestaccio a supporto dell'ex Litfiba Gianluigi Cavallo detto “Cabo.

Hypno-Pop è stato anticipato dal primo singolo/videoclip Where are you going?: “Un brano psichedelico, il nostro approccio ad un certo tipo di elettronica - lo descrive il gruppo stesso - “Rappresenta uno stato d’animo, una riflessione sincera. Un pezzo grigio, in cui i pensieri si mischiano alle nuvole, guardando la città dall’alto.



Video Credits
Regia e Soggetto: Riccardo Vinciguerra
Protagonista: Edy Tombari



Tracklist
1. Deserto
2. Where are you going?
3. Altrove
4. Suoni
5. Non ti girare (remix Max Stanzione & Max Crisafulli)

Next Gigs
5.12.16 @ Brancaccio, Roma con Amedeo Minghi


Bio La Griffe nascono nel gennaio 2014 dalle ceneri dei Controverso, band attiva dal 2005 al 2013. Gli autori dei brani, Riccardo Vinciguerra e Daniele Perticaroli, decidono di proseguire il cammino musicale con un nuovo progetto modificandolo nei contenuti in base al nuovo percorso sonoro diventato più minimale, sperimentale ed elettronico. Per questo decidono di essere principalmente un duo, affiancandosi come collaboratore esterno il Dj/Producer Max Stanzione, già autore del Remix di Non ti girare. Il nuovo percorso porta ad eliminare una chitarra e ad una presenza più equilibrata ma costante dell’elettronica. Vengono totalmente riarrangiati una manciata di brani estratti dai 3 precedenti lavori con i Controverso, i quali comporranno insieme ai nuovi la scaletta dei futuri concerti. Nel 2014 la band sviluppa pertanto la nuova direzione, un restyling totale in base alle nuove sensazioni e sonorità. Così prendono forma una decina di brani inediti totalmente scritti, suonati e arrangiati dal duo, che si occupa anche della produzione. In questo arco di tempo trova posto una collaborazione importante, la partecipazione al film Di tutti i Colori di Max Nardari, nel quale i La Griffe rappresentano se stessi suonando un brano inedito totalmente riarrangiato per la pellicola e fortemente voluto dal regista. Il film in uscita nelle sale nell'autunno 2016 rappresenta un grande motivo di soddisfazione per la band, che decide di riarrangiare anche Disco Dance, successivamente presentata al Derby del Cuore 2014 presso lo Stadio Olimpico di Roma di fronte a 40.000 spettatori. Il 22 settembre 2015 pubblicano il loro primo lavoro Deserto, seguito successivamente da Altrove. La band si esibisce il 12 dicembre 2015 all'Auditorium Parco della Musica insieme ad Amedeo Minghi eseguendo 2 brani accompagnati dall’Orchestra Internazionale di Roma. Ad aprile 2016 è uscito il nuovo EP dal titolo Hypno-pop.


Contatti


Press Media Office
Frank Lavorino 339 6038451